Esiste una strategia per realizzari? Persone diverse con uguali capacità o vissuti simili possono avere un diverso grado di soddisfazione e successo. Perché?

La risposta, talvolta, è nella strategia (o non strategia) che usano per raggiungere i loro desideri.

Giochiamo con un’analogia: la strategia aziendale, secondo Henry Mintzberg è:

  1. una prospettiva: avere una visione del futuro, di quello che si vuole diventare e della direzione da seguire; si tratta dello “scopo” che ci si prefigge; lo si può paragonare a un “sogno” dai dettagli sfumati
  2. un piano: freddo e razionale, è l’esatto punto di arrivo dove l’azienda vuole arrivare
  3. una sequenza di azioni nel tempo: è il filo che lega le decisioni e le azioni che l’azienda intraprende nel tempo e dà a loro un senso comune
  4. una posizione: è il cosiddetto “posizionamento”, ovvero il settore o la nicchia di mercato all’interno della quale l’azienda propone i propri servizi o prodotti

Come è possibile riflettere attraverso il counseling aziendale per dotarsi di una strategia efficace:

  1. devi avere una prospettiva: il counselor può facilitare una riflessione consapevole sul proprio proegtto professionale? “Come ti vedi tra 6 mesi?”
  2. una strategia precisa e razionale sugli obiettivi specifici che ti prefiggi: per esempio, entro 1 anno voglio sviluppare certe competenze del mio collaboratore
  3. dotarti di una pianificazione: decidi la quantità di tempo da dedicare al tuo obiettivo e distribuiscilo nel corso della settimana; individua le specifiche azioni da compiere
  4. cura della propria immagine professionale in modo che sia coerente agli obiettivi assegnati al ruolo ricoperto.

Ricorda l’importanza della strategia e rifuggi dal suo opposto: la superficialità. Il counseling aziendale può supportare questo percorso.

Related Posts

Leave a Comment

Scopri i Servizi alle Aziende!
empatia positivacrescita professionale